Chi siamo

Funkasin Street Band è la prima realtà del genere in Veneto nata per portare nuova musica tra le strade e una super carica di energia tra la gente.
L’idea nasce nella primavera 2012 a San Donà di Piave (VE) e fin da subito, vista la novità nella zona del Veneto Orientale, il gruppo inizia un’intensa attività effettuando numerosi concerti; all’attivo si possono contare oltre 190 spettacoli in tutta la penisola ed oltre, partecipando ad importantissime rassegne musicali nazionali ed internazionali in luoghi di notevole interesse, solo alcuni sono: Czech Busker Festival di Ceske Budejovice (Rep. Ceca), Chapeau Rouge di Praga (Rep. Ceca), Carnevale di Venezia, rassegna musicale nella Garonna (Francia), Home Festival di Treviso, UBI Jazz, Manciano Street Music Festival, Kebanda Festival di Formia, Primiero Dolomiti Festival Brass, Golden Gala “P. Mennea” allo Stadio Olimpico di Roma, Friuli DOC di Udine, Piazza Duomo a Milano, e molto altre….
Dal 2014 i Funkasin seguono ogni anno la direzione artistica del “San Donà Street Music Festival”, primo festival delle street band presente nel nord Italia.

I Funkasin riescono a trasmettere al pubblico la propria carica grazie ad uno stile funk fuso con altri generi come il pop, la disco e il rock, il tutto completato da diverse coreografie pensate per coinvolgere la gente…di sicuro non riuscirete a rimanere fermi!

Non resta altro che venire ad ascoltarli e seguirli nei loro spettacoli itineranti e coreografici, FUNKY TIMES ARE COMING!!!

 

I Funkasin sono:

Davide Bertacche: sax contralto
Flavio Guerra: sax contralto
Francesco Zulianello: sax contralto
Martino Barbon: sax tenore
Mauro Santobuono: sax tenore
Edoardo Conte: sax baritono
Tiziano Doretto: sax baritono
Fabio Fazio: tromba
Antonio Finocchiaro: tromba
Matteo Iaffaldano: tromba
Riccardo Vidotto: tromba
Michele Doimo: trombone
Martino Doretto: trombone
Luca Mazzarotto: trombone
Federico Faoro: sousaphone
Raul Moretto: sousaphone
Nadir Mazzarotto: percussioni
Fabrizio Piccin: percussioni
Teo Sandrin: percussioni
Giovanni Trentin: percussioni

 

 

Commenti

commenti